Anche i professionisti posso assicurare il proprio operato

Anche i professionisti posso assicurare il proprio operato

Si definiscono “professionisti” tra gli altri gli avvocati, i commercialisti, gli architetti e i notai.

Queste figure possono rischiare di arrecare danni, fisici e materiali ai clienti ecco perché è necessario che si tutelino con una polizza assicurativa di responsabilità civile.

Generalmente, la polizza professionisti protegge tutti gli aspetti del lavoro, prevedendo la copertura assicurativa:

  • per furto, incendio e altri danni ai locali nei quali il professionista svolge la propria attività (uffici e studi);
  • per le apparecchiature utilizzate nell’esercizio della professione;
  • per l’attività professionale vera e propria: in primo luogo la responsabilità civile professionale per i danni causati a terzi dal professionista, i suoi collaboratori e l’intero studio.

In particolare, ecco le caratteristiche delle polizze raggruppate per professione:

Dottori commercialisti, notai, avvocati e figure professionali simili, nell’esercizio della propria professione, possono rischiare di arrecare danni, fisici e materiali, ai clienti.

Ecco perché è importante che si tutelino con una polizza assicurativa di responsabilità civile.

Assicurazioni per Dottori commercialisti

I dottori commercialisti possono rischiare di arrecare danni, fisici e materiali, ai clienti. In particolare, i danni sono di tipo patrimoniale puro.

Il danno può essere causato in seguito a prestazioni carenti, sbagliate o mancanti, per negligenza, errori e incapacità. A causa di questi errori viene intaccata la sfera patrimoniale del cliente, il quale reclama il risarcimento dei danni subiti.

Solitamente i commercialisti che stipulano una polizza per la propria attività professionale si tutelano contro tutte queste eventualità e anche contro il dolo causato da dipendenti e collaboratori o la perdita di documenti dei clienti.

Assicurazioni per Notai

I notai possono rischiare di arrecare danni, fisici, materiali, ai clienti. In particolare, i danni sono di tipo patrimoniale puro.

Il danno può essere causato in seguito a prestazioni carenti, sbagliate o mancanti; per negligenza, errori e incapacità, da dipendenti e collaboratori; dalla perdita di documenti dei clienti.

Assicurazioni per Avvocati

Gli avvocati possono rischiare di arrecare danni, fisici e materiali, ai loro clienti. In particolare, i danni sono di tipo patrimoniale puro.

Il danno può essere causato in seguito a prestazioni carenti, sbagliate o mancanti, per negligenza, errori e incapacità. Viene così intaccata la sfera patrimoniale del cliente, il quale reclama il risarcimento dei danni subiti.

Tuttavia, definire i confini di responsabilità civile attribuibili all’avvocato non è così semplice come per i commercialisti e i notai, non essendoci un’idea di diligenza professionale media alla quale ci si deve rifare. Spesso, infatti, l’idea di diligenza è un concetto a discrezione del cliente.

Ingegneri, architetti e geometri, nell’esercizio della propria professione, possono rischiare di arrecare danni, fisici e materiali, ai clienti.

Ecco perché è importante che si tutelino con una polizza assicurativa di responsabilità civile.

I rischi che si corrono riguardano:

  • la conduzione dello studio;
  • i danni causati da errori di calcolo e errori nella progettazione;
  • le sanzioni pecuniarie di natura amministrativa e fiscale;
  • le perdite patrimoniali dei clienti (perché ad esempio si è costruito abusivamente).

Quanto agli appalti pubblici, la legge prevede che diverse figure professionali debbano obbligatoriamente stipulare una polizza assicurativa di responsabilità civile.

Assicurazioni per Amministratori sindaci e dirigenti

Amministratori, sindaci e direttori generali di azienda possono rischiare di commettere atti illeciti relativi alle proprie funzioni, quali l’inadempimento di doveri derivanti dall’atto costitutivo o dalla legge, l’infrazione di obblighi contrattuali, l’abuso di fiducia, l’infrazione al dovere, negligenza, errore, dichiarazioni errate o erronee o altro.

Perciò, considerati i danni patrimoniali che tali figure rischiano di arrecare, risulta chiara la necessità che esse si tutelino con una polizza assicurativa di responsabilità civile.

Il mercato delle polizze assicurative per amministratori, sindaci e direttori generali di azienda è presente, in Italia, da un tempo relativamente breve.

Fino alla prima metà degli anni Novanta, infatti, erano le compagnie assicurative straniere, soprattutto anglosassoni e statunitensi, a fornire un’offerta di garanzie per questo settore.

Da quel momento, però, anche l’associazione delle imprese assicuratrici ANIA ha delineato il proprio piano di azione.

Chi sono i soggetti assicurati:

  • componenti del Consiglio di Amministrazione;
  • componenti del collegio sindacale;
  • il direttore generale e i dirigenti della società;
  • altro personale direttivo, interno alla stessa società;
  • amministratori, sindaci e direttori generali delle società controllate (se espressamente richiesto). In questo caso la società stipulatrice la polizza, definita “capogruppo”, include nella copertura l’intero “gruppo di società”, ovvero tutte le società che rientrano nell’ambito del “gruppo”.

Chi può chiedere il risarcimento:

  • la società stessa;
  • gli azionisti;
  • il curatore fallimentare;
  • i creditori sociali;
  • chi ha rapporti commerciali con la società responsabile dell’atto illecito, come anche lo Stato e la Pubblica Amministrazione, i soggetti o gruppi societari concorrenti, le associazioni dei consumatori e altro;
  • i dipendenti della società.

A seconda di quale soggetto richiede il risarcimento, variano anche le condizioni della copertura assicurativa.

Per avere maggiori informazioni in merito a questa tipologia di assicurazione è possibile richiedere un consulto specifico a un broker assicurativo professionale piuttosto che direttamente nella sede di una grande agenzia di assicurazioni italiana, al tempo stesso l’ANIA è il punto di riferimento più importante per capire di più su questa copertura.